Letture settimanali del 27 ottobre 2019

La meditazione è una via per far maturare le relazioni umane, relazioni che ci permettono di gioire della vita dell’altro, senza il desiderio di possederlo o controllarlo, ma semplicemente di conoscerlo come lui o lei è, e di provare gioia in questa conoscenza. È lo stesso con Dio. Non ci disponiamo per importunare o bombardare Dio con parole, di pretendere attenzione o rivelazioni a nostro piacimento. Nella semplicità della meditazione, nella semplicità della nostra umile ripetizione del mantra, cerchiamo soltanto di essere con e per Dio…

Mentre ripetiamo il mantra, lasciamo andare pensieri e programmi e idee e fantasie; impariamo il valore della rinuncia, del non possesso. Lasciamo andare le immagini che abbiamo di noi stessi. Lasciamo andare i nostri desideri. Lasciamo andare le paure e il ripiegamento in noi stessi. Questo ci permette di entrare in comunione con l’altro, con gli altri, al livello della realtà più profondo.

Brano tratto da John Main, “Mature Relationships” in THE HUNGER FOR DEPTH AND MEANING: Learning to Meditate with John Main, ed. by Peter Ng (Singapore: Medio Media, 2007), pp. 141-42.