Letture settimanali del 24 novembre 2019

La civilizzazione si basa sulla fede non la tecnologia. La fede conduce a credere alla bontà e alla uguaglianza degli uomini, ha fiducia nel prossimo, ha un senso del bene comune più che del puro vantaggio egoistico, ha una passione per la giustizia e un coraggio per la compassione che si estende a chi è vulnerabile. Dà potere al perdono e alla pazienza nei momenti di tradimento e di conflitto.

La civilizzazione si basa anche su una fede sostenuta riguardo il futuro, perché crede che c’è un senso ultimo di tutto, che non abbiamo raggiunto la perfezione ma non ci rinunceremo… La società civilizzata si basa nel credo, fondato sulla fede, che abbiamo qualcosa di degno da lasciare alla generazione prossima, capace di fare meglio di noi.

La meditazione inizia e finisce nella fede. Esprime l’unità di tutti nello spirito, come è espressa anche da tutte le azioni sacre ispirate dall’amore e dalla compassione.

Brano tratto da Laurence Freeman OSB, “Unity” in FIRST SIGHT: The Experience of Faith (London: Continuum, 2011), p. 129-30.