Letture settimanali del 15 novembre 2020

Il primo segno dell’ego è il desiderio di essere grande, il desiderio, per esempio, di essere il numero uno, il desiderio di dominare. Poi c’è il desiderio di prendere; l’ego vuole afferrare invece che dare o lasciare andare. L’ego desidera mantenere, conservare, stringere, possedere anziché lasciare. L’ego desidera essere promosso, ottenere di più, conoscere di più, avere di più. L’ego desidera conservare qualunque cosa anche a spese degli altri, mettendo noi stessi prima degli altri. […] Dobbiamo lavorare per staccare noi stessi dall’identificare il nostro vero sé con l’ego, rompere questa identificazione, semplicemente risvegliarci al fatto che abbiamo un ego, ma che non è… la nostra identità vera e più profonda.

Questo è il ruolo dell’ascetismo e la comprensione che l’ascetismo, e l’ascesi essenziale della vita Cristiana, è preghiera.

Brano tratto da Laurence Freeman OSB, “The Ego” in THE EGO ON OUR SPIRITUAL JOURNEY (London: Medio Media, 2019), pp. 3, 5-6.