Letture Settimanali dell’11 aprile 2021

I nostri condizionamenti consumisti e materialisti ci insegnano che è un nostro diritto essere felici. Rendiamo noi stessi e mezzo mondo infelice nel reclamare questo diritto a spese degli altri, quando interpretiamo la gara per la felicità come una competizione. I desideri del nostro cuore, come insegnava Diadoco, si traducono in immagini, e queste immagini iniziano a esistere in una mezza luce di realtà. Agendo per rendere queste immagini più concrete, rilasciamo il potere dell’illusione nel mondo attraverso questi desideri egotistici. Gli esseri umani, che non sono per loro natura cattivi, possono allora posizionare bombe in strade piene di negozi, sfruttare i poveri, imbrogliare gli ingenui, corrompere i giovani, tradire le persone amate. Un piccolo ma fatale errore sta al cuore di questo infelice dramma umano. Più che possedere il diritto a essere felici, nasciamo con il dovere di essere felici che realizziamo solo quando scopriamo la vera natura della felicità.

Brano tratto da Laurence Freeman OSB. “Letter Twelve” in COMMON GROUND (New York: Continuum, 1999), p. 132.