Letture settimanali del 31 marzo 2019

La verità non è solo ciò che diciamo. Ci basta appoggiarci al nostro avvocato per trovare le parole oliate che ci tirano fuori dalle situazioni. La verità è vissuta, non solo detta a parole. È quello che viviamo e come lo viviamo. La verità non può essere nascosta. Quando la polvere di una esplosione che ha cercato di distruggerla, si deposita, qualunque cosa avete cercato di nascondere diventa ancora più visibile.

Se non hai nulla da nascondere e non hai paura della verità, allora questa è la terribile e ineluttibile verità della verità. Verrà alla luce, così come la realtà viene fuori dalle ceneri dell’illusione che cercava di evitare la verità. Questo non è vero solo per le azioni compiute. È vero anche per una verità repressa nelle nostre menti e nella nostra memoria. Un sentimento che è troppo doloroso da affrontare, un errore che ferisce troppo per essere ammesso, una intuizione troppo rivoluzionaria perché possa essere accolta.

A meno di non uscire allo scoperto e di lasciare che la verità venga alla luce, rimarremo sempre feriti, e staremo sempre scappando. La meditazione è vivere nella verità — allo scoperto, alla luce.

Brano tratto da Laurence Freeman OSB in SENSING GOD: Learning to Meditate During Lent (Cincinnati: Franciscan Media, 2016), p. 72.